Verona 23 aprile 1932. Celebre albergatore. Proprietario dell’Harry’s Bar di Venezia, dei più noti ristoranti italiani di New York ecc. «Mio padre diceva che Hemingway ha vinto il Nobel dopo aver scritto un romanzo che si svolgeva quasi tutto tra i tavoli dell’Harry’s Bar» (si tratta di Di là dal fiume e tra gli alberi). Nel 2007 condannato negli Stati Uniti per evasione fiscale: «Abbiamo vinto una gara, tra nove imprese, per un mega progetto sull’ultimo grande molo sul fiume Hudson, 60 mila metri quadrati che vogliamo trasformare in un luogo di eccellenza dell’italianità, con sale per banchetti, scuole di cucina, le esposizioni della Triennale e le vetrine delle migliori aziende italiane. Da lì è cominciata una campagna contro di noi». Una multa da dieci milioni di dollari risolse tutto.  Nel 2011, stavolta in Europa, nuova vicenda giudiziaria sul marchio. La controparte è un hotel veneziano di cui Giuseppe ebbe una quota fino al 1967: dopo i primi due gradi di giudizio, la palla passò ad Alicante, in Spagna, dove ha sede l’ufficio competente per la registrazione dei marchi in tutti i Paesi dell’Unione europea.  A fine 2012, dopo tre anni di bilanci in rosso, le banche chiesero allo storico locale di calle Vallaresso – nato in un magazzino di corde, era arrivato a impiegare oltre 70 dipendenti, mentre sono 150 i suoi cuochi sparsi nel mondo – di rinegoziare il debito di circa 6 milioni: imposero una ristrutturazione aziendale e Cipriani fece un passo indietro cedendo parte delle sue deleghe a due manager esterni.  Il marchio è presente anche a Los Angeles, Istanbul, Hong Kong, Abu Dhabi, Ibiza, Mosca e Montecarlo. «A New York ci hanno osteggiati in tutto, ma apriremo presto nuovi locali: a Miami, a Las Vegas, a Dubai…». Sei libri, uno di ricette che ha venduto 300 mila copie.

EVENTO PASSATO: Elogio dell’accoglienza

Montegrotto Terme, Hotel Mille Pini - 18:30 - 30/09/2018
Questo libro è un manifesto Un manifesto elegante, com’è nello stile del suo autore, Arrigo Cipriani. Ma non per questo meno battagliero di come un manifesto deve essere. Cipriani è uno degli italiani più conosciuti nel mondo. Non è solo il patron dell’Harry’s...

EVENTO PASSATO: La leggenda

Circolo Culturale Sardo Eleonora D’Arborea – Padova - 18:00 - 06/10/2017
Dalla voce del proprietario dell'Harry's Bar di Venezia, la storia del locale raccontata attraverso le vicende dei famosi personaggi che l'hanno frequentato.