Umberto Piersanti debutta nel mondo della letteratura con La breve stagione nel 1967 all’età di ventisei anni. Da allora nel corso della sua ultra decennale carriera ha pubblicato, oltre a diverse raccolte poetiche, testi di saggistica e anche opere di narrativa.

Ha vinto nel 1994 il Premio Nazionale Letterario Pisa nella sezione poesia, il premio Camaiore, il premio Penne, il premio Caput Gauri, il premio Insula Romana e inoltre il Mastronardi, il Piccoli, il Frascati e nel 2016 il Ponte di legno poesia. Dirige la rivista di letteratura contemporanea e creatività Pelagos.

Nel 2005 è stato candidato al Premio Nobel per la letteratura.

Nel 2012 esce il romanzo ambientato nel 1968, Cupo tempo gentile (Marcos y Marcos), la rivolta studentesca vista con gli occhi di un giovane professore urbinate.

Nel 2016 esce per Marcos y Marcos una nuova raccolta poetica, Nel folto dei sentieri, in cui è rievocata la natura cara al poeta. Il libro ha ottenuto diversi premi e riconoscimenti: vincitore Premio Frontino Montefeltro (2015), finalista alla XXX edizione del premio dessi (2015), vincitore 34º Premio Poesia Giuseppe Tirinnanzi (2016), vincitore Premio Onor d’Agobbio, terza edizione (2016), vincitore del Premio della Giuria Ponte di Legno Poesia (2016), vincitore del premio Bronzo dorato all’Arte Poetica – Animavì – Cinema d’animazione e arte poetica (2016), vincitore del Premio Ceppo, 61ª edizione (2017)

Nel 2018 pubblica di nuovo per Marcos y Marcos il libro di racconti Anime perse, diciotto storie vere, raccolte da Ferruccio Giovanetti nei suoi centri di recupero del Montefeltro, trascritte e interpretate da Umberto Piersanti.

Raccolte poetiche

  • La breve stagione (Quaderni di Ad Libitum, Urbino, 1967)
  • Il tempo differente (Sciascia, Caltanissetta- Roma, 1974)
  • L’urlo della mente (Vallecchi, Firenze, 1977)
  • Nascere nel ’40 (Shakespeare and Company, Milano, 1981)
  • Passaggio di sequenza (Cappelli, Bologna, 1986)
  • I luoghi persi (Einaudi, Torino, 1994)
  • Nel tempo che precede (Einaudi, Torino, 2002)
  • L’albero delle nebbie (Einaudi, Torino, 2008)
  • Tra alberi e vicende (Archinto, Milano, 2009)
  • Los lugares perdidos / I luoghi persi (Contrapunto (sial), 2011)
  • Les lieux perdus / I luoghi persi, traduzione Monique Baccelli (Harmattan, 2014)
  • Nel folto dei sentieri (marcos y marcos, Milano, 2015)

Romanzi

  • L’uomo delle Cesane(Camunia, Milano, 1994)
  • L’estate dell’altro millennio (Marsilio, Venezia, 2001)
  • Olimpo(Avagliano, 2006)
  • Co-autore con Andrea Aromatico, Il poeta e il cacciatore(Editoriale Olimpia, 2008)
  • Cupo tempo gentile (Marcos y Marcos, 2012)

Opere di critica

  • L’ambigua presenza (Bulzoni, Roma, 1980)
  • Sul limite d’ombra (Cappelli, Bologna, 1989)

Racconti

  • Anime perse(Marcos y Marcos, 2018)

Altre opere

Umberto Piersanti ha realizzato un lungometraggio e tre film-poemi: si tratta di quattro “rappresentazioni visive” su altrettanti poeti per la televisione. Lungometraggi:

  • L’età breve (1969)

Film-poemi:

  • Sulle Cesane (1982)
  • Un’altra estate (1988)