Edith Bruck
con Attilio Motta
Denis Brotto

Orario:

18:30


«Tu eri e sei tutto per me: lingua patria famiglia padre e madre. L’uomo migliore che abbia mai incontrato.»

“Ti lascio dormire” è una lunga lettera d’amore: dal giorno della morte del marito Nelo Risi, Edith Bruck gli scrive per continuare a sentirlo vicino nello scorrere dei giorni.
In queste pagine, dense e struggenti, l’autrice ripercorre la storia della loro vita, attraverso piccoli e grandi aneddoti, i litigi, le poesie. Ne viene fuori il ritratto di un marito e una moglie radicalmente diversi, che però si scoprono indispensabili.
Edith Bruck, scrittrice raffinata e acuta, si affida alla scrittura come resistenza alla perdita, cura e tensione al futuro, consegnando la storia di un amore alla sua eternità.

Anteprima nazionale

Con:

Edith Bruck

Di origine ungherese, è nata in una povera, numerosa famiglia ebrea. Nel 1944 il suo primo viaggio la porta, poco più che bambina, nel ghetto del capoluogo, e di lì ad Auschwitz, Dachau, Bergen-Belsen. Sopravvissuta alla deportazione, di cui ha...
Leggi di più

e

Attilio Motta

Attilio Motta (Lecce 1971) è professore associato di Letteratura italiana a Padova. Si è occupato di poesia popolare del Trecento (edizione critica dei Cantari della Reina d’Oriente di Antonio Pucci, con William Robins, Bologna, Commissione per i testi di lingua,...
Leggi di più

Denis Brotto

Denis Brotto (Padova, 1979) svolge attività di ricerca all’Università di Padova nell’ambito degli studi relativi alla teoria e alla tecnica del linguaggio cinematografico. Tra le sue pubblicazioni Trame digitali. Cinema e nuove tecnologie (Marsilio), Il cinema in pixel (Unipress) e...
Leggi di più


Calcola il percorso